6 Agosto 2020 In Fisco

Sbloccato il Credito d’imposta per la sanificazione degli ambienti di lavoro.

Al via le istanze per ottenere il bonus.

Credito d’imposta per la sanificazione degli ambienti di lavoro.

Ai soggetti esercenti arti e professioni, agli enti non commerciali, viene riconosciuto un credito d’imposta in misura pari al 60% delle spese sostenute nel 2020 per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, nonché per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti.

Il credito d’imposta spetta fino ad un massimo di 60.000 euro per beneficiario, (spesa massima 100.000) nel limite complessivo di 200 milioni di euro per l’anno 2020.


Sono ammissibili al credito d’imposta le spese sostenute per:

– sanificazione degli ambienti nei quali è esercitata l’attività lavorativa e istituzionale e degli strumenti utilizzati nell’ambito di tali attività;

– acquisto di dispositivi di protezione individuale, quali mascherine, guanti, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione e calzari, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea;

– acquisto di prodotti detergenti e disinfettanti;

– acquisto di dispositivi di sicurezza quali termometri, termoscanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea, ivi incluse le eventuali spese di installazione; – acquisto di dispostivi atti a garantire la distanza di sicurezza interpersonale, quali barriere e pannelli protettivi, ivi incluse le eventuali spese di installazione

Il credito d’imposta non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini Irap e non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, Tuir.

Per ottenere il credito d’imposta occorre presentare apposita istanza online entro il 7 settembre 2020.

L’ammontare massimo del credito d’imposta fruibile è pari al credito d’imposta richiesto moltiplicato per la percentuale che sarà resa nota con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, da emanare entro l’11 settembre 2020.

La percentuale è ottenuta rapportando il limite complessivo di spesa all’ammontare complessivo dei crediti d’imposta richiesti. Nel caso in cui l’ammontare complessivo dei crediti d’imposta richiesti risulti inferiore al limite di spesa, la percentuale è pari al 100%. Se le richieste superano i 200ml di credito d’imposta vi sarà una riduzione proporzionale del bonus. Il credito d’imposta, in relazione alle spese effettivamente sostenute, può essere utilizzato in compensazione successivamente alla comunicazione dell’AE.

Leave a Reply